Studi Scientifici

Studi | Studi

Remineralizzazione profonda

Lo smalto del dente è esposto a continue perdite di minerali dovuti agli acidi prodotti dai batteri. Lo smalto è costituito da circa il 95% di un minerale chiamato idrossipatatite. Sebbene questo minerale sia la sostanza più dura del nostro corpo, esso è soggetto agli attacchi degli acidi e conseguentemente può verificarsi  la carie. Per certi versi questo processo può essere contrastato dalla remineralizzazione attraverso il Calcio ed il Fosfato nella saliva, ma non sempre ciò è sufficiente.

anticaerboristeria_it_studi_emineralizzazione_profonda_1_480x430
La saliva naturale aumenta con i dentifrici minerali: il fluoruro è importante per rinforzare lo smalto nei confronti delle carie. A causa della sua alta affinità con il Calcio, il fluoruro è di intralcio per una remineralizzazione profonda, in quanto esso forma cristalli nello strato esterno dello smalto bloccando i canali di trasporto - una remineralizzazione profonda pertanto è bloccata.

Pertanto i Laboratori Antica Erboristeria hanno sviluppato una tecnologia brevettata contenente Sodio Monofluorofosfato ed un complesso di Magnesio  ed il minerale Brushite. Questo speciale complesso di Magnesio aiuta gli ioni Fluoruro a migrare anche più in profondità nello smalto1. Uno studio clinico2 ha provato che: l’uso di questa tecnologia aumenta la remineralizzazione anche negli strati più profondi dello smalto con effetti positivi sulla durezza dei denti e sulla protezione contro le carie.

anticaerboristeria_it_studi_emineralizzazione_profonda_2_480x430
l complesso con Magnesio unitamente al Monofluorofosfato aiuta a mantenere aperti gli importanti canali di trasporto per supportare una remineralizzazione anche all’interno degli strati più profondi dello smalto per aumentare la durezza del dente e la protezione nei confronti della carie.

¹ J. Arends, D. Birkhead, S. Renvert, H. Odelius and P. Wülknitz. Journal of Dental Research, 1997,      76(5), 1095

² J. Arends, D. Birjhead, S. Renvert, J. Ruben, H. Odelius, W. Jongebloed, H. Duschner, P. Wülknitz    and K. Schuhmann. Dtsch Zahnärtzl. Zeitung, 1998, 53(1), 26-31